Tuesday, December 27, 2011

The traditional poetry of a printed book

Questo sarà sicuramente uno dei primi Natali ricordati per la quantità incredibile di e-book venduti. Già il 15 dicembre Amazon aveva annunciato di aver venduto un milione dei suoi Kindle in ciascuna delle tre settimane precedenti. Un successo senza precedenti (ed è chiaro visto che l'e-book è una "scoperta" relativamente recente). Un successo che costringe anche a ripensare alla forma di lettura e a fare un distinguo tra il caro buon vecchio libro di carta e le parole digitalizzate in forma di libro. E già c'è una guerra aperta! i libri digitali non si usurano passando di mano in mano, le pagine non si strappano, si può scegliere quale libro leggere standosene comodamente seduti in poltrona e basta un click per ordinare in biblioteca l'ultimo titolo. Eppure vuoi mettere la tradizione di aprire un libro, sfogliarlo, assaporarne l'odore ancor prima di lasciarsi trasportare dalle parole, intuire dal colore della carta e dal carattere utilizzato nella stampa se quel libro sarà facile da leggere o ci impegnerà un po' di più; vuoi mettere girarlo e rigirarlo tra le mani come un bene prezioso, un lusso che ormai sempre meno persone si concedono (in Italia leggiamo poco e male)... 


Last Christmas is definitely one of the first remembered for the incredible amount of e-books sold. On December 15 Amazon already announced it had sold one million of its Kindle in each of the three previous weeks. An untold success that forces to rethink the form of reading. Digital books don't wear the effects of time passing from hand to hand; you can choose only with a click which book to read from the comfort of your armchair. But it's nothing compare to the tradition of opening a book, leaf through it, savoring the smell before you even get carried by the words in that wonderful story the book is ready to carry you on...

No comments:

Post a Comment

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...